Condividi:Share on Facebook1Tweet about this on TwitterPin on Pinterest1Share on Google+0Share on Tumblr0Share on LinkedIn0Email this to someone

filo unicoPHOTO: KELLY CHRISTINE
Lo so… Lo so…
sono stata via per molto tempo 🙁 Ma vi assicuro che non ho dimenticato il mio blog. Gli impegni sono tanti e conciliare, lavoro, studio e relazioni non è sempre facile…
Come potete notare, il blog ha cambiato vestito, che ne dite? vi piace?
Ho voluto anche rinnovare il nome del blog, “Filo Unico”, per noi che lavoriamo con i “fili” ma anche per il filo invisibile che unisce cuore, mente e corpo…

A tal proposito ne approfitto per postare una citazione tratta da un libro a mio avviso molto significativo, “Pura Vita” di Andrea de Carlo.

– Il filo sottile che tiene insieme due persone.
– Quale filo?
– Il filo di tutto quello che le tiene legate, anche quando sono lontane. Anche quando non si vedono e non si parlano.
РPerch̩ dici il filo?
– Perché è una cosa molto sottile e molto resistente, no? Che puoi anche non vedere, ed è estensibile quasi senza limiti attraverso la distanza e il tempo e l’affollamento delle altre persone che occupano lo spazio e lo attraversano in ogni direzione.
– Però non è affatto scontato che ci sia, il filo.
– No?
– No. Magari due pensano di essere molto legati, poi appena provano ad allontanarsi scoprono che che in realtà stanno benissimo ognuno per conto suo.
РE allora perch̩ pensavano di essere legati?
– Perché erano tenuti insieme da una colla di pura abitudine e oggetti e luoghi condivisi e gesti stratificati. E’ una colla così forte da sembrare una saldatura permanente, ma appena uno dei due prova a staccarsi non c’è nessun filo che lo segua.
– Che triste.
– Sì. La maggior parte dei legami sono di questo genere, credo.
– Come fai a sapere che invece il filo c’è?
– Quando provi a romperlo, e ti trovi in caduta libera attraverso il senso delle cose.
РE di cosa ̬ fatto, questo filo?
– Di uno scambio continuo di domande e risposte. Sguardi, anche solo immaginati. Assonanze e intuizioni e sorprese, curiosità reciproca che non si esaurisce. E similitudini, no? E differenze.

A. De Carlo

Prima di salutarvi, vi lascio un video tutorial, tratto dal portale Pianeta Donna, per realizzare una rosellina ad uncinetto, facile e veloce decorazione milleusi.

Alla prossima 🙂

Condividi:Share on Facebook1Tweet about this on TwitterPin on Pinterest1Share on Google+0Share on Tumblr0Share on LinkedIn0Email this to someone
0 comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *